You are here

Enel e i mercati finanziari

20182017
Margine operativo lordo per azione (euro)1,611,54
Risultato operativo per azione (euro)0,970,96
Risultato netto del Gruppo per azione (euro)0,470,37
Risultato netto ordinario del Gruppo per azione (euro)0,400,36
Dividendo unitario (1) (euro)0,280,237
Patrimonio netto del Gruppo per azione (euro)3,123,42
Prezzo massimo dell’anno (euro)5,395,58
Prezzo minimo dell’anno (euro)4,243,84
Prezzo medio del mese di dicembre (euro)4,945,39
Capitalizzazione borsistica (2) (milioni di euro)50.25454.761
Numero di azioni al 31 dicembre (milioni)10.16710.167

(1) Dividendo deliberato dall'Assemblea degli Azionisti del 16 maggio 2019.
(2) Calcolata sul prezzo medio del mese di dicembre.

Corrente (1)al 31.12.2018al 31.12.2017al 31.12.2016
Peso azioni Enel:
- su indice FTSE-MIB13,04%13,86%11,68%11,41%
- su indice Bloomberg World Electric3,71%3,78%3,92%3,26%
Rating:
Standard & Poor’sOutlookSTABLESTABLESTABLESTABLE
M/L termineBBB+BBB+BBB+BBB
Breve termineA-2A-2A-2A-2
Moody’sOutlookSTABLESTABLESTABLESTABLE
M/L termineBaa2Baa2Baa2Baa2
Breve termine--P2P2
FitchOutlookSTABLESTABLESTABLESTABLE
M/L termineA-BBB+BBB+BBB+
Breve termineF2F2F2F2

(1) Dati aggiornati al 15 febbraio 2019.

Nel 2018 l’economia mondiale è cresciuta di circa il 3%, in linea con i ritmi del 2017. Gli Stati Uniti e la Cina continuano a trainare la locomotiva mondiale, aiutati dagli effetti di politiche fiscali espansive, mentre la crescita nell‘Eurozona si mantiene su tassi più contenuti.

La normalizzazione delle politiche monetarie nei Paesi avanzati (soprattutto negli Stati Uniti) ha generato forti pressioni sui mercati emergenti (in particolare quelli strutturalmente più deboli). L’incertezza geopolitica (derivante principalmente dalla guerra dei dazi) caratterizza persistentemente il contesto esterno. In Europa continuano senza significativi progressi le trattative riguardanti la Brexit, con l’ulteriore rinvio da parte del Parlamento britannico dell’approvazione dell’accordo preliminare raggiunto tra il primo ministro, Theresa May, e l’Unione Europea.

Permane tensione tra l’Italia e l’Unione Europea riguardo alle strategie di politica fiscale del Paese e alla coerenza con le stime di crescita economica. Nello specifico, in Italia la crescita è attesa nel 2018 in calo allo 0,9% rispetto all’1,6% registrato nel 2017.

In tale contesto economico, i principali indici azionari europei hanno chiuso il 2018 negativamente; l’indice spagnolo Ibex35 -15%, l’indice francese CAC40 -12% e il DAX30 tedesco -18%.

Nello specifico, l’indice italiano FTSE Italia All-Share ha registrato nell’anno una variazione negativa pari al -17%.

Il settore delle utility dell’area Euro ha chiuso l’esercizio con una lieve decrescita dell‘1%.

Infine, per quanto riguarda il titolo Enel, il 2018 si è concluso a quota euro 5,044 per azione, con un decremento dell‘1,7% rispetto all’anno precedente, registrando una moderata underperformance rispetto l’indice settoriale dell’area Euro.

Il 24 gennaio 2018 è stato liquidato un acconto sul dividendo pari a 0,105 euro relativo agli utili 2017 e il 25 luglio 2018 è stato pagato il saldo del dividendo per lo stesso esercizio per un importo pari a 0,132 euro. L’ammontare totale dei dividendi distribuiti nel corso del 2018 è stato pari a 0,237 euro, circa il 32% in più rispetto ai 18 centesimi distribuiti nel 2017. In relazione all’esercizio 2018, il 23 gennaio 2019 è stato pagato un acconto sul dividendo per un importo pari a 0,14 euro, mentre il pagamento del saldo del dividendo è previsto il 24 luglio 2019.

Al 31 dicembre 2018 l’azionariato Enel è composto per il 23,6% dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, per il 57,6% da investitori istituzionali (vs 57,5% al 31 dicembre 2017) e per il 18,8% da investitori individuali (vs 18,9% al 31 dicembre 2017).

Gli investitori ESG (Environmental, Social e Governance) sono in continuo aumento e rappresentano, al 31 dicembre 2018, circa il 10,5% del capitale sociale (vs 8,6% al 31 dicembre 2017).

L’incremento del peso degli investitori ESG nel capitale sociale di Enel riflette una crescente attenzione da parte del mercato finanziario a elementi di natura non finanziaria che contribuiscono alla creazione di valore sostenibile di lungo termine.

La transizione energetica in atto, con i trend di urbanizzazione, elettrificazione della domanda e decarbonizzazione, impatta in modo e con tempi differenti sull’intera catena del valore dell’energia elettrica.

Enel, grazie al suo business integrato e al suo posizionamento, massimizza le opportunità di creazione di valore sostenibile a lungo termine derivanti da tale transizione, ponendosi con la sua strategia come leader in tale ambito.

La leadership di Enel in ambito ESG è rafforzata dalla stretta connessione tra strategia e attenzione al capitale umano, che favorisce la crescita economica e sociale delle comunità locali con cui Enel interagisce. Per ulteriori informazioni si invita a visitare il sito web istituzionale (www.enel.com) alla sezione Investor Relations (https://www.enel.com/it/investors1) e a scaricare l’app “Enel Investor Relations”, dove sono disponibili dati economico- finanziari, presentazioni, aggiornamenti in tempo reale sull’andamento del titolo, informazioni relative alla composizione degli organi sociali e il regolamento delle Assemblee, oltre ad aggiornamenti periodici sui temi di corporate governance.

Sono anche disponibili punti di contatto specificamente dedicati agli azionisti individuali (numero telefonico: +39- 0683054000; indirizzo di posta elettronica: azionisti.retail@enel.com) e agli investitori istituzionali (numero telefonico: +39-0683051; indirizzo di posta elettronica: investor.relations@enel.com).

Andamento titolo Enel e indici Bloomberg World Electric, Euro STOXX Utilities e FTSE Italia All-Share, dal 1° gennaio 2018 al 31 gennaio 2019

Andamento titolo

Fonte: Bloomberg.

Indice dei prezzi al consumo (CPI)

%
201820172018-2017
Italia1,11,2(0,1)
Spagna1,72,0(0,3)
Russia2,93,7(0,8)
Romania4,61,33,3
Slovacchia1,91,10,8
India4,03,30,7
Sudafrica4,65,3(0,7)
Argentina33,825,78,1
Brasile3,73,50,2
Cile2,72,20,5
Colombia3,24,3(1,1)
Messico4,96,0(1,1)
Perú1,32,8(1,5)
USA2,42,10,3
Canada2,31,60,7

Tassi di cambio

201820172018-2017
Euro/Dollaro americano1,1811,12974,36%
Euro/Sterlina britannica0,880,880,97%
Euro/Franco svizzero1,151,113,73%
Dollaro americano/Yen giapponese110,44112,15-1,55%
Dollaro americano/Dollaro canadese1,301,30-0,13%
Dollaro americano/Dollaro australiano1,341,302,59%
Dollaro americano/Rublo russo62,8058,327,13%
Dollaro americano/Peso argentino28,1116,5641,11%
Dollaro americano/Real brasiliano3,663,1912,68%
Dollaro americano/Peso cileno642,04648,70-1,04%
Dollaro americano/Peso colombiano2.958,132.951,360,23%
Dollaro americano/Nuovo sol peruviano3,293,260,78%
Dollaro americano/Peso messicano19,2318,921,64%
Dollaro americano/Lira turca4,843,6524,63%
Dollaro americano/Rupia indiana68,4065,114,81%
Dollaro americano/Rand sudafricano13,2513,31-0,45%